cucina,ricette La Cucina Economica: Le ricette di Alice in the Wonderland

martedì 5 novembre 2013

Le ricette di Alice in the Wonderland



La storia e le immagini ed ora anche le ricette di Alice in the Wonderland di Lewis Carrol  sono state veramente importanti per lo sviluppo della mia immaginazione, non solo da piccola lettrice, quando mi soffermavo per ore 



sulle figure acquarellate del vecchio libro che avevo trovato in casa, ma soprattutto da adulta quando ho cominciato a capire che effettivamente esistono mondi e realtà paralleli e opposti e che che tuffandosi a capofitto nel tronco cavo di un albero niente di più facile che ritrovarsi a vivere una vita capovolta, a testa in giù. Quindi ringrazio Lewis Carrol e la sua insana passione per l'oppio ed i fanciulli, per aver reso così reale la figuretta di Alice, una bambina senza tempo, antica ma attualissima, ingenua e lolita, allo stesso tempo, e naturalmente la sua banda di amici squinternati.
Da appassionata cacciatrice di vecchi ricettari ho avuto un piacevole soprassalto scoprendone uno dedicato alla mia eroina  'The Alice in the Wonderland Cookbook: A diversion Culinary' e 'Guida per l'etichetta a tavola'una deliziosa raccolta di ricette ispirate al classico di Carroll, ciascuna accompagnata da un estratto dal libro di Alice illustrato delicatamente da John Tenniel . Da "I funghi ambidestri" al "budino di pane e burro volante", il libro si completa con 'Suggerimenti per l'Etichetta dello stare a tavola'.

La cucina economica racconta alcune ricette e consigli dal   The Alice in the wonderland cookbook

Cercando la torta di vetro


1 chilo di farina | ½ chilo di burro | 120 g.  ribes | 120 g. di agrumi canditi | 90 g. uvetta | ½ chilo di zucchero velo | 2 cucchiaini di lievito in polvere | 3 uova | 1 cucchiaino di spezie miste | latte

Amalgamare burro e zucchero per qualche minuto. Sbattere le uova e aggiungere gradualmente al composto. Setacciare la farina, unire  il lievito e incorporare gradualmente all'impasto. Infine aggiungere frutta e spezie. La miscela deve ora essere di una consistenza morbida. Aggiungere il latte solo se necessario. Foderare una tortiera di circa 20 cm. con carta forno. Cuocere in forno per 2-3 ore a 150°. 




fiori di acacia | fiori di zucca | fiori di rosmarino | fiori di borragine |  fiori di primula | fiori di sambuco | petali di calendula | petali di nasturzio  | insalata verde apiacere | olio di oliva | aceto

Lavate i petali con acqua calda e raffreddare velocemente. Disporre un letto di insalata verde a piacere, lattuga, prezzemolo, timo, erba cipollina, foglie di acetosella, cavolo verza affettato sottile o spinaci, in base alla disponibilità. Aggiungere i fiori al centro. Servire con una salsa di olio e  aceto.

Un brindisi per Alice



1 boccale di sidro | 8 zollette di zucchero | 2 arance | 8 chiodi di garofano | 1 cucchiaino di noce moscata grattugiata | 1 stecca di cannella | 8 cucchiaini di acqua | 1 limone | 1 bicchierino di rum | 1 bicchierino di brandy

Strofinare le zollette contro la scorza di una delle arance fino a rimuovere la parte superficiale . Tagliate l'arancia a metà e spremere il succo in una casseruola.Tagliate l'altra arancia in 8 parti. Infilare un chiodo di garofano in ognuno e spolverare con la noce moscata. Aggiungere alla casseruola con l'acqua e la cannella.Tagliare la scorza del limone a striscioline e aggiungere anche questa. Posizionare su una fiamma dolce fino a quando lo zucchero sarà sciolto. Fate bollire per 5 minuti. Togliete dal fuoco per raffreddare. Rimuovere stecca di cannella. Aggiungere il sidro e riscaldare. Aggiungere il rum e brandy. Servire caldo in un boccale caldo. Tutti in coro: "Benvenuta regina Alice  novantanove volte-nove!"

Ed ecco alcuni dei tanto attesi suggerimenti di etichetta per il cenare fuori di casa :

Nel procedere alla sala da pranzo, il signore dà un braccio alla signora che accompagna, sarebbe strano offrili entrambi.

Utilizzare una forchetta per la zuppa, e allo stesso tempo chiedere alla padrona di casa il cucchiaio per le bistecche, può avere conseguenze esplosive.

E 'sempre consentito chiedere gelatina di carciofo con il bollito di carne di cervo, ma ci sono case in cui non è fornita.

Usare per il tacchino arrosto due forchette da carne può essere di aiuto, ma di poca grazia.

Si sconsiglia di mangiare il formaggio con un coltello e forchetta in una mano e un cucchiaio e un bicchiere di vino nell'altra, risulterà di una goffaggine  che nessuna  pratica potrà dissipare.

Come regola generale, non dare calci, sotto al tavolo, agli stinchi di un gentiluomo, se non lo si conosce personalmente, il vostro scherzo rischia di essere frainteso,  circostanza sempre e ovunque spiacevole.


                                                          



Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo contributo